L’IMPATTO DELLA PANDEMIA SULLA DONAZIONE DEL LATTE MATERNO

Il lockdown e l’impossibilità di uscire da casa, le complicazioni operative dei centri, la sospensione del servizio di donazione (segnalata in 11 centri) e il timore delle donatrici di accedere in ospedale. Queste le motivazioni che hanno impattato sulla donazione del latte umano, in forte diminuzione, con 271 donatrici in meno rispetto al 2019. È ciò che emerge dalla Terza indagine sulle Banche del Latte Umano Donato (anni 2018 – 2020): impatto del Covid-19, del Ministero della Salute e condotta dall’AIBLUD.
Una netta riduzione rispetto al periodo precedente alla pandemia, nel quale si stava realizzando un incremento nella donazione di questo alimento, fondamentale per tutti i neonati e salvavita per i piccoli prematuri.

Quotidianosanita.it

Iscrizioni, diventa socio o rinnova la quota SIN

La SIN è una società, non a fini di lucro, che persegue e allarga gli scopi ed obiettivi del Gruppo di Lavoro di Neonatologia della Società Italiana di Pediatria (SIP).